Principi fondamentali  

 

Art. 1  Poteri e funzioni

1. Il Comune di Ortelle è costituito dalle comunità di Ortelle e Vignacastrisi.

2. Il Comune di Ortelle ha autonomia statutaria, normativa, organizzativa ed amministrativa.

 

Art. 2  Territorio, gonfalone e stemma

1. Il Comune esplica le proprie funzioni e l'attività amministrativa nell'ambito dei confini territoriali che rappresentano il limite di efficacia dei propri provvedimenti.

2. Ha un proprio gonfalone ed uno stemma dei quali disciplina l'uso con l'apposito regolamento.

3. Il Palazzo comunale è ubicato in Ortelle.

4. Ogni modifica della ubicazione della sede comunale sarà disposta dal Consiglio, dopo il parere di consultazione popolare.

 

Art. 3  Autonomia e partecipazione

1. Il Comune riconosce e valorizza la partecipazione di tutti i cittadini, delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni quale condizione imprescindibile per promuovere lo sviluppo della vita democratica e la salvaguardia dei diritti di uguaglianza.

2. Il Comune valorizza la presenza e il ruolo della donna nello svolgimento di attività politiche e sociali, assicurando, in ogni caso pari opportunità.

3. Il Comune considera essenziale il concorso e la partecipazione di altri enti pubblici esistenti sul territorio o altri organismi locali, per l'esercizio di alcune particolari funzioni in ambiti territoriali adeguati attuando forme di decentramento,  di associazione, cooperazione e collaborazione, secondo le norme della legge e dello Statuto.

 

Art. 4  Servizi sociali

1. Il Comune, nel quadro della sicurezza sociale, eroga servizi gratuiti o a pagamento, prestazioni economiche, sia in denaro che in natura, a favore dei singoli, o di gruppi, qualunque sia il titolo in base al quale sono individuati i destinatari, anche quando si tratti di forme di assistenza a categorie predeterminate.

2. Assicura, in particolare, servizi sociali fondamentali agli anziani, ai minori, agli inabili, agli invalidi ed agli indigenti.

3. Concorre ad assicurare i servizi civili fondamentali, compreso quello di protezione, con particolare riguardo alla abitazione, alla promozione culturale, ai trasporti, alle attività sportive e ricreative, all'impiego del tempo libero ed al turismo sociale.

4. Concorre ad assicurare, con l'A.U.S.L., la tutela della salute come fondamentale diritto del cittadino ed interesse della  comunità   locale   con  particolare   riguardo ai problemi
della prevenzione ed al controllo nei limiti di competenza, della gestione dei relativi servizi socio - sanitari integrati.

5. Concorre, per quanto non sia espressamente riservato allo Stato, alla Regione ed alla Provincia, alla promozione, mantenimento e recupero dello stato di benessere fisico e psichico della popolazione del Comune, rimovendo con propri mezzi finanziari situazioni di disagio socio-economico, nei limiti delle disponibilità di bilancio.

6. Attua, secondo le modalità previste nelle Leggi Regionali, un servizio di assistenza scolastica idoneo ad assicurare strutture ed a facilitare il diritto allo studio ed in particolare l'assolvimento dell'obbligo scolastico.

7. Tutela  e  valorizza,  per  quanto di propria competenza,
il patrimonio storico, religioso, librario, artistico, archeologico, paesaggistico e monumentale anche promovendo la partecipazione di soggetti pubblici e privati.

8. Constatato il valore dell'impegno delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni riconosciute sul territorio per lo sviluppo umano e sociale, le riconosce, ne favorisce lo sviluppo ed assicura ad esse l'accesso agli atti amministrativi, alle strutture ed ai servizi del Comune.

 

Art. 5  Sviluppo economico

1. Il Comune esercita la propria azione regolamentare ed amministrativa ai fini di indirizzare e guidare lo sviluppo economico della comunità locale.

2. Istituisce, regolamenta e coordina le attività commerciali per assicurare un razionale sistema di distribuzione sul territorio comunale ed al fine di tutelare il consumatore.

3. Favorisce e promuove l'associazionismo e la cooperazione    come    strumento    di    sviluppo    sociale   ed
economico    e    di    partecipazione    popolare   al     processo
produttivo.

4. Appresta e gestisce aree attrezzate per l'insediamento  di imprese industriali, artigiane, turistiche  e commerciali nel rispetto della pianificazione territoriale comunale.

5. Promuove lo sviluppo dell'artigianato, con particolare riguardo a quello artistico ed espressione delle tradizioni e costumi locali, al fine di consentire una più vasta collocazione ed una più equa remunerazione del lavoro.

6. Promuove lo sviluppo delle attività turistiche favorendo una ordinata espansione delle attrezzature, dei servizi turistici e ricettivi e la valorizzazione delle componenti naturali, sociali ed economiche.

7. Attua interventi per la protezione della natura, con la collaborazione della Regione, della Provincia e vigila sull'amministrazione dei beni di uso civico.

8. Promuove, con particolare riguardo, lo sviluppo dell'agricoltura.

 

Art. 6   Funzioni comunali peculiari

1. Il Comune riconosce carattere prioritario alle risorse agricole, indirizzando la sua azione programmatico-amministrativa al potenziamento dell'economia derivante dalla stessa.

 

Art. 7   Assetto ed utilizzazione del territorio

1. Il Comune determina, per quanto di competenza e nel rispetto del piano urbanistico territoriale, una politica di assetto territoriale e di pianificazione urbanistica per realizzare un armonico sviluppo del territorio mediante la difesa del suolo.

2. Garantisce che l'assetto del territorio sia rivolto alla protezione della natura, della salute e delle condizioni di vita della comunità, assicurando la realizzazione di un giusto rapporto tra insediamenti umani, infrastrutture sociali, impianti industriali, commerciali e turistici.

3. Attua un rigoroso controllo del territorio urbanizzato e non urbanizzato al fine di garantire l'utilità pubblica e l'uso del suolo e del sottosuolo in armonia con la pianificazione urbanistica.

4. Organizza, all'interno del territorio, un sistema coordinato di viabilità, trasporti, circolazione e parcheggi, idoneo alle esigenze della comunità locale e fluttuante e che garantisca la più ampia mobilità individuale e collettiva, anche con il superamento delle barriere architettoniche.

5. Promuove e coordina, anche d'intesa con la Provincia, la realizzazione di opere di rilevante interesse comunale nel settore economico, produttivo, commerciale, turistico, sociale, culturale e sportivo.

 

Art. 8   Limiti alle funzioni

1. Il Comune, oltre che nei settori organici indicati nei precedenti articoli, esercita le funzioni amministrative nelle altre materie che non risultano attribuite specificatamente ad altri soggetti da parte della legge statale e regionale, purché riguardino la cura e gli interessi generali della comunità amministrata.

 

Art. 9   Attività amministrativa

1. L'attività amministrativa persegue i fini determinati dalla legge ed è retta da criteri di trasparenza ed economicità, di efficacia, di efficienza e imparzialità, nonché di pubblicità e di massimo snellimento delle procedure, secondo modalità e termini previsti dalla legge, dallo statuto e dai regolamenti.

2. Sono previste forme e principi idonei a rendere effettiva la partecipazione alla formazione dei provvedimenti amministrativi di interesse generale, nonché il più agevole possibile accesso alle istituzioni.

3. Ogni provvedimento amministrativo, salvo gli atti normativi e quelli a contenuto generale, deve essere motivato con l'indicazione dei presupposti di fatto e delle ragioni giuridiche che hanno portato alla relativa determinazione.

 

Art. 10     Programmazione

1. Il Comune per quanto di propria competenza, determina e definisce gli obiettivi della programmazione economico sociale e territoriale e su questa base fissa la propria azione mediante piani generali, settoriali e progetti, ripartendo le risorse destinate alla loro specifica attuazione.

2. Assicura, nella formazione e nell'attuazione dei programmi piani e progetti la partecipazione delle organizzazioni di volontariato e delle formazioni sociali, economiche e culturali operanti sul territorio, secondo competenze.

3. Concorre alla determinazione degli obiettivi contenuti nei piani e programmi dello Stato e della Regione, provvedendo, per quanto di competenza, alla loro specificazione ed attuazione.

4. Partecipa, nei modi e forme stabilite dalla legge Regionale, alla formazione dei piani e programmi regionali.

 

Art. 11   Informazione

1. Il Comune riconosce fondamentale l'istituto dell'informazione e cura a tal fine l'istituzione dei mezzi e strumenti idonei per portare a conoscenza programmi, decisioni e atti di particolare rilevanza comunale.

2. Periodicamente, relaziona sulla sua attività, organizza conferenze, incontri, stabilisce, altresì, rapporti permanenti con gli organi di informazione, anche audio-visivi, ed istituisce forme di comunicazione che consentono all'intera comunità locale di esprimere le proprie esigenze.

3. Attua, inoltre, forme e mezzi di partecipazione e informazione nei modi previsti dalla legge, dallo statuto e dal relativo regolamento.

4. Garantisce, comunque, che il trattamento dei dati personali in suo possesso si svolga nel rispetto dei diritti, delle libertà fondamentali, nonché della dignità delle persone fisiche, ai sensi della legge 31 dicembre 1996, n.675, e successive modificazioni.